30 giugno 2017

Cover battle • 60

È una rubrica che mette in contrapposizione la copertina italiana di un romanzo con quella originale,
per scoprirne le differenze ma anche le similitudini e decidere quale secondo noi è la migliore

• • •

Buongiorno wordsbookiani!!!

Come state? Siamo solo alla fine di giugno e io non vedo l'ora di andare in ferie,. Sarà dura resistere ancora questo mese, ma tra il caldo, la pioggia e i viaggi in treno la voglia di prendere una pausa è davvero fortissima. Ma non vi preoccupata una cosa che non mi ci fa pensare più tanto è scrivere qui sul blog e chiacchierare con voi di libri...

Quindi ritorniamo ad argomenti felice, che ne dite di un bel Cover Battle? Questa rubrica è una di quelle che mi piace di più, sono sempre attratta da una bella copertina e queste sfide mi permettono di andare alla ricerca di qualche bellezza!


Paper prince Broken prince


Oggi a sfidarsi c'è un romanzo di una serie super chiacchierata, Paper prince di Erin Watt è il secondo capitolo della serie The Royals ed è appena arrivato qui da noi. È anche perfetto per questa sfida, quindi rimbocchiamoci le maniche e.... via!

Parto subito con il dirvi che adoro la cover originale, tutta la serie ha delle cover meravigliose che ho sperato fossero mantenute una volta arrivate in Italia. Ma ahimè non è andata così, ma non mi dispero perché anche se odio i faccioni in primo piano, le copertine italiane sono riuscite ad essere abbastanza pulite.

Della nostra versione mi piace moltissimo l'idea di mantenere la parola PAPER in tutti i titoli e lo stesso carattere. In questo modo è facilissimo riconoscere i libri della serie e messi insieme stanno davvero benissimo. Mi piace anche l'idea della copertina bianca, non sono tantissime quelle bianche, si sporcano facilmente ma per chi ama i libri e sa come tenerli questo non è assolutamente un problema. Io adoro il bianco e il minimal quindi acquistano qualche punto in più ai miei occhi.
Altra cosa che mi piace è la scelta di cambiare il colore per ogni romanzo ma di mantenere lo stesso format, sono troppo curiosa di scoprire il colore di Paper palace anche se mi aspetto qualcosa che viri sul giallo :)

Passando a quella originale la trovo semplicemente più sobria, mi piace tantissimo la corona fatta d'acqua e lo sfondo non troppo invasivo, mentre non mi fanno impazzire le mille scritte. Mi sarei aspettata un font diverso per il titolo, un po' più particolare o addirittura qualcosa di calligrafico, questo mi sembra messo lì all'ultimo minuti anche se nell'insieme è la corona che spicca ed è quella che cattura lo sguardo!



E voi cosa ne dite, quale preferite?
Ciaooooo!!!


2 commenti

  1. Quella originale, senza dubbio. Anche per il titolo. Sì, mi piace che abbiano deciso di mantenere una linea comune con "Paper", ma "Broken Prince" aveva un significato molto profondo per il libro in sé!

    RispondiElimina
  2. Quella originale è bellissima, ma devo dire anhe di essere d'accordo con te sui libri con le cover bianche, alcuni sono deliziosi!
    xoxo

    RispondiElimina

Grazie mille per aver lasciato un commento!