4 novembre 2016

7ª Tappa Blogtour "Rebel. Il tradimento" di Alwyn Hamilton | Intervista all'autrice

Buongiorno wordsbookiani!

Come state? Un altro fine settimana è alle porte e questa volta sono super felice per due motivi, la solita previsione di un weekend di relax e il fatto che oggi ospito l'ultima tappa del blogtour dedicato a Rebel. Il tradimento di Alwyn Hamilton edito da Giunti.

Banner Rebel

Per prima cosa in assoluto ringrazio la Giunti e Silvy (We found wonderland in books) per avermi inclusa in questa iniziativa. È stata lei a convincermi a dare una possibilità a Rebel. Il deserto in fiamme, il suo entusiasmo mi aveva contagiata tantissimo e quando finalmente ho avuto il romanzo tra le mani ero davvero entusiasta e iniziavo a capire l'euforia di Silvy di fronte a questa lettura.
Sono quindi più che felice di parlarvi ancora un po' di questa serie e di poterlo fare con questo blogtour.

Prima di passare all'argomento principale di questa tappa vi ricordo tutte quelle precedenti. Troverete sotto il calendario i link a ogni tappa, così se ve la siete persa potrete tranquillamente recuperarla da lì.

Calendario Rebel


••• •••

Tit 1
Rebel. Il tradimento
Rebel. Il tradimento
di Alwyn Hamilton

Editore: Giunti
Pagine: 448
Prezzo: 16,00 €
Formato: Cartaceo
Data d'uscita: 2 novembre 2016
Link d'acquisto: giunti.it

Trama:
Sono passati pochi mesi da quando Amani, dall'infallibile mira, ha incontrato il misterioso Jin ed è fuggita dal suo paesino nel deserto terribile e meraviglioso del Miraji sul dorso di un buraqi, mitico destriero fatto di sabbia e vento, in cerca della propria libertà. Ora sta invece combattendo per liberare una nazione intera da un tiranno sanguinario che non ha esitato a trucidare il padre pur di salire al trono.
Amani si trova prigioniera nell'epicentro stesso del potere, il palazzo del Sultano, ed è determinata a rovesciarne il regime. Disperatamente concentrata nello sforzo di scoprire i segreti di corte, cerca di dimenticare che Jin è scomparso proprio quando le sembrava più vicino e di essere lei stessa pericolosamente in balia del nemico. Ma con il passare del tempo Amani arriverà a chiedersi se davvero il Sultano sia il tiranno che le è stato descritto e chi sia il vero traditore nei confronti della sua terra così bruciata dal sole e piena di magia.

••• •••

Tit 2

In questa tappa conclusiva ho avuto il piacere di intervista Alwyn e quindi di farle qualche domanda sul romanzo, su come è nata l'idea e su qualche dettaglio che ancora non conosciamo su di lei come autrice. Pronti? Partiamo subito con le domande...

Alwyn Hamilton foto
D: Hi Alwyn, welcome to this blogtour! First of all let's talk about you. When did your passion for writing come out?
Ciao Alwyn, benvenuta a questo blogoutr! Prima di tutto parliamo di te. Quando è cominciata la tua passione per la scrittura?
R: Thanks so much for having me! I’ve loved to tell stories for as long as I can remember. Even before I learned to read and write! I remember when I was a little girl making up a story called “The Tangle Monster”. I had very long hair and it was always getting knots in it, and I hated having it brushed. So I made up a story about a monster than came in the night and tangled up little girls’ hair while they slept. Because I didn’t know how to write yet (I was only 4 or 5) my mother typed it up for me and I drew the illustrations for it. After that I never really stopped making up stories!
Grazie mille per avermi ospitata! Amo raccontare storie da così tanto tempo che non me lo ricorso. Persino prima di imparare a leggere e a scrivere! Mi ricordo che quando ero una ragazzina ho creato una storia intitolata "The Tangle Monster". Avevo in capelli molto lunghi e avevo sempre i nodi e odiavo pettinarli. Così ho creato una storia su un mostro che arrivava nella notte e si ingarbugliava nei capelli di una ragazzina mentre dormiva. Visto che non sapevo ancora scrivere (avevo solo 4 anni o 5) mia madre la scritta per me e io ho disegnato le illustrazioni. Dopo quest'evento non ho mai smesso di creare storie.

D: Do you have a novel that made you think "that's why I want to write"?
Hai un romanzo che ti ha fatto pensare "ecco perché voglio scrivere"?
R: I don’t specifically remember having that moment for writing in general, but I can definitely think of plenty of books that made me say “that’s what I want to write.” When I was a kid. Tamora Pierce’s ALANNA books, Robin McKinley’s THE BLUE SWORD, and Mercedes Lackey’s Valdemar Series all influenced me to want to write fantasy.
Non mi ricordo un momento preciso per la scrittura in generale, ma posso dire con certezza che ho un sacco di libri che mi hanno fatto dire "questo è quello che voglio scrivere". Quando ero una bambina. "Alanna" di Tamora Pierce, "The blue sword" di Robin McKinley e tutta la serie "Valdemar" di Mercedes Lackey mi hanno influenzato nel voler scrivere fantasy.

D: Lots of authors have a different writing routine, can you tell us yours?
Molti autori hanno differenti routine, puoi dirci la tua?
R: I haven’t been a full time author for long so I’m still developping my new writing routine without a fixed schedule. But mostly my routine is to write every other day. On the days I’m not writing I answer emails, do paperwork, etc. All the parts of being an author that aren’t “writing”. On the days I do write I pretty much get up, either make or buy a smoothie (to get some healthy fuel in my diet first thing in the morning) and then I go sit in a cafe for anything between 5 to 8 hours and write, fueled by coffee and cake. If I’m drafting I can write much longer, but editing requires more focus, so I tend to burn out more quickly.
I also always carry a notebook with me if I need to switch to writing by hand to plan out an scene or an idea.

Non sono un'autrice "a tempo pieno" da tanto tempo e sto ancora sviluppando la mia nuova routine senza un orario fisso. Ma per la maggior parte la mia routine è quella di scrivere ogni giorno. Nei giorni in cui non rispondo alle email, faccio lavori d'ufficio, ecc. Tutto quello che non fa parte dell'essere "scrittore". Nei giorni in cui scrivo per lo più mi alzo, mi preparo o compro uno smoothie (per avere un po' di sano carburante nella mia dieta come prima cosa al mattino) e poi vado a sedermi in un caffè per circa 5 o 8 ore e scrivo, ricaricandomi con caffè e torta. Se sto butta giù bozza posso scrivere anche di più, ma l'editing richiede più concentrazione, così tendo esaurirmi più velocemente.
Mi porto anche sempre dietro un computer se devo passare dalla scrittura a mano al pianificare una scena o un'idea.

D: If you had to pick your favorite character (in your novels), who would it be?
Se dovessi scegliere il tuo personaggio preferito (nei tuoi romanzi), chi sarebbe?
R: I have to admit to having a real soft spot for Shazad, Amani’s best friend. She is smart, strong, loyal, and her “no nonsense” approach to things was great to have when things got choatic with the other characters. I also love getting to write a strong female friendship.
But there is also a new character introduced in TRAITOR named Sam who I love writing because he’s just so much fun! I don’t want to spoil too much about him, but he’s a thief who thinks he is much more suave than he actually is, and has a power that is very helpful to the rebellion.

Devo ammettere che ho un debole per Shazad, la migliore amica di Amani. È intelligente, forte, leale ed è stato bello il suo approccio alle cose quando queste si fanno caotiche con gli altri personaggi. Ho anche amato scrivere un forte legame di amicizia femminile.
Ma c'è un nuovo personaggio introdotto in "Rebel. Il tradimento", Sam, che ho amato scrivere perché è davvero divertente. Non voglio spoilerare troppo su di lui, ma è un ladro che pensa di essere più gentile di quello che è realmente, e ha un potere che è davvero d'aiuto per la ribellione.

D: There is a phrase or quote that you especially loved in "Traitor to the Throne"? And why is it your favorite?
C'è una frase o una citazione che ti piace particolarmente di "Rebel. Il tradimento"? E come mai è la tua preferita?
R: I really quite like the last line of the book, but I can’t share that. It’s too much of a spoiler! So I would have to go with the last line of chapter 24 which is “And I tried to shake the feeling that I was a traitor to my whole country with every word I spoke.” Because it encapsulates some of the inner conflict of the book and the title quite nicely.
Mi piace davvero molto l'ultima riga del libro, ma non posso mostrarla. È troppo spoilerosa! Così vi cito l'ultima riga del capitolo 24 che è "E tentai di togliermi di dosso la sensazione di tradire il mio paese a ogni parola che pronunciavo". Perché incapsula alcuni dei maggiori conflitti del libro e abbastanza bene il titolo.

D: There is something about you in the novel?
C'è qualcosa di te nel romanzo?
R: I think I, subconsciously, brought a lot of things that I love to both REBEL and TRAITOR. I love the trope of cross dressing girls, I love court intrigue, I love villains who are not obviously villainous, like the Sultan… These are all things that have inspired me in other stories, and that I incorporated in mine.
Inconsciamente, credo di aver usato un sacco di cose che mi piacciono sia in "Rebel. Il deserto in fiamme" sia in "Rebel. Il tradimento". Mi piace il momento del travestitismo femminile, adoro gli intrighi di corte, amo i cattivi che non lo sono in modo ovvio, come il Sultano.. Queste sono tutte cose che mi hanno ispirata in altre storie, e che ho poi incorporato nelle mie.

D: Are you a reader too? What's your favorite book/author ever?
C'è qualcosa di te nel romanzo?
R: I am! I’m an avid reader! Though I read quite slowly also, which makes me very picky with books. If I don’t love them I put them down. So I have lots of books I love because of this.
Currently I love love love Marie Rutkoski’s THE WINNER’S CURSE trilogy, and Leigh Bardugo’s SIX OF CROWS and Ally Carter’s HEIST SOCIETY.
But in terms of picking a favourite ever…I’d have to go for something from my childhood, which is ELLA ENCHATED by Gail Carson Levine.

Lo sono! Sono un'avida lettrice! Anche se leggo abbastanza lentamente, e ciò mi rende molto esigente con i libri. Se non li amo, li metto giù. E per questo motivo ho molti libri che amo.
Attualmente amo, amo, amo "The Winnder's Curse" di Marie Rutkosky, "Six of crows" di Leigh Bardugo e "Heist society" di Ally Carter.
Ma se dovessi scegliere il preferito di sempre... Devo andare a pescare qualcosa della mia infanzia, ed è "Ella Enchated" di Gail Ally Carson Levine.

D: How was the idea for Amani's character born?
Come è nata l'idea del personaggio di Amani?
R: Amani came to me around a time when fantasy was first getting big in YA, and I started to see people commenting that it didn’t make sense for young female protagonists to be fighters in fantasy novels. The usual argument was “I’m not sexist, it’s just biological that women aren’t as strong as men.” So I thought I would prove how ridiculous this argument was by giving a young female heroine a weapon that relied entirely on skill rather than on brute strength. And so the idea of the young female sharpshooter was born and she became Amani.
L'idea di Amani mi è venuta in un periodo in cui il fantasy stava per la prima volta crescendo nello YA, e io ho iniziato a notare i commenti di chi credeva non avesse senso che le giovani protagoniste dei fantasy potessero anche essere delle combattenti. Il ragionamento era: "Non sono sessista, è un fatto meramente biologico che le donne non siano forti come gli uomini." Perciò ho pensato che avrei dimostrato quanto quest'idea fosse ridicola dando a una giovane eroina un'arma che si basasse interamente su una abilità invece che sulla forza bruta. E così è nata l'idea della giovane tiratrice scelta, che poi è diventata Amani.

D: Are you working on the third book? Have you already thought about what to write next?
Stai lavorando al terzo libro? Hai già pensato a cosa scriverai dopo?
R: I am! I will need to turn the first draft of the third book in to my editors on the 1st of January 2017 so I’m hard at work on it now.
In terms of what’s next, I always like to have a “side idea”. Like an idea I’m cheating on my current main book with. At the moment I have 2 or 3 I’m toying with, but I’m not sure which one is next yet!

Lo sto facendo! Devo dare la prima bozza del terzo libro al mio editor il primo gennaio 2017 e ci sto lavorando duramente.
Per dire che cosa ci sarà dopo, mi piace sempre avere "un'idea di riserva". Come un'idea con la quale sto tradendo il mio attuale libro. Al momento ne ho 2 o 3 con le quali avere a che fare, ma non sono ancora sicura di quale sarà la prossima!

D: What do love the most about your work? And what's the worst thing about it?
Cosa ami di più del tuo lavoro? E qual'è la parte peggiore?
R: I think my favourite part is the moment when the idea clicks and everything seems to fall into place around it and suddenly I can see clearly exactly what I want to write and what the scene looks like.
The most difficult part is the moment before the idea comes, when there’s a hole in the story you know you need to fill, and you’re hoping the solution will come eventually. But you don’t know if you’ll figure it out tomorrow or in a week, or in a month…

Penso che la parte migliore sia il momento in cui ti viene un'idea e tutto sembra trovare il giusto posto al suo interno e all'improvviso vedo chiaramente cosa voglio scrivere e come appaiono le scene.
La parte più difficile è il momento che precede l'arrivo dell'idea, quando c'è un buco nella storia che sai di dover riempire, e speri di trovare una soluzione prima o poi. Ma non sai se quella soluzione arriverà domani, tra una settimana o tra un mese.

Thank you Alwyn, and good luck for this new Italian adventure!
Grazie mille Alwyn e buona fortuna per questa nuova avventura italiana!

••• •••

Tit 3

Prima di lasciarvi e concludere quindi il blogtour, vi ricordo che c'è una copia del romanzo che sta cercando un proprietario e sarà uno di voi. Basta seguire le semplici regole che trovare qui di seguito:

OBBLIGATORIO:
  • Seguire tutti i blog e il canale youtube;
  • Commentare tutte le tappe;
  • Condividere almeno una tappa su un social;
  • Mettere mi piace alla pagina Facebook Giunti Y

FACOLTATIVE:
  • Mettere mi piace alle pagine Facebook dei blog;
  • Postare su un social a vostra scelta una foto realizzata da voi che possa rappresentare il romanzo. Siete liberi di fare come volete, basta che la foto sia pubblica, in modo da poterla vedere. Può essere:
  • – Un aestethic fatto da voi (QUI un esempio per farvi capire);
    – Un vostro cosplay;
    – Una foto artistica del romanzo (va bene sia il primo che il secondo, o anche entrambi, e sono accettati anche gli ebook). Può essere sia un selfie col romanzo, sia solo il libro con degli oggetti che vi ricordino la storia


Modulo Rafflecopter
••• •••

E ora siamo proprio arrivati alla fine del blogtour. Spero vi sia piaciuto e che leggerete questo romanzo!
Ciaoooooo!!

9 commenti

  1. Ma che bella questa intervista! La storia del mostro dei capelli è troppo carina, mi sa che da piccola faceva visita pure a me la notte ahahah XD "The Winner's Curse" è meraviglioso, mi ha fatto davvero piacere scoprire che piace anche a questa autrice. E poi, tutte queste piccole informazioni in più sul romanzo e la protagonista mi hanno incuriosita ancora di più verso questa storia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono davvero contenta che ti sia piaciuta!! Ormai la Rutkosky la devo proprio leggere, dopo che me ne hai parlato tu così bene ero già decisa ma ultimamente la vedo ovunque con pareri super positivi e ora ci si mette anche la Hamilton a citarla!! Insomma devo darmi una mossa e recuperarla anche io!!

      Elimina
    2. Ahaha XD Sì mi ricordo della sviolinata al libro che ti feci ;D Poi se lo dice anche la Hamilton puoi andare sul sicuro e iniziare a procurarti i libri al più presto :D

      Elimina
  2. Alwyn sembra una persona davvero molto dolce *__* Bellissima intervista, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è stata carinissima e disponibilissima *___* Devo anche ammettere che è una gran chiacchierona!!

      Elimina
  3. Ciao :D
    Amo conoscere di più sui libri e sull'autore grazie alle interviste! *o*
    Mi piace che Amani sia nata da un'ideale femminista dell'autrice e mi ispira già molto questo Sam che lei ha nominato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si anche a me piacciono tantissimo le interviste, si possono scoprire sempre dei dettagli che non mi aspettavo!!

      Elimina
  4. Ho divorato questa intervista! L'ho adorata *^*
    Partecipo al blogtour e al giveaway. Email: marco.smeraldi8@gmail.com

    RispondiElimina

Grazie mille per aver lasciato un commento!