24 novembre 2016

4ª Tappa Blogtour "Guida al giro del mondo" di Nanni Delbecchi | Focus on... Bangkok

Buongiorno wordsbookiani!

Questa settimana si sta rivelando davvero piena e interessante. Sono sicura che questo fine settimana crollerò sul divano ma per il momento sono davvero felice dell'attività frenetica che si respira nell'aria. Oggi ho il piacere di ospitare una nuova tappa del blogtour dedicato a Guida al giro del mondo di Nanni Delbecchi edito da Bompiani.

Banner Guida al giro del mondo

Ringrazio tantissimo sia la casa editrice sia Elisa che mi hanno coinvolto in questa iniziativa e mi hanno dato nuovamente la possibilità di mettere in campo le mie capacità e di realizzare quindi la grafica che accompagna il tour. È sempre un piacere avere questa opportunità e per questo romanzo così pulito e semplice lo è stata ancora di più perchè mi piace lo stile scelto in partenza.

Siamo quasi giunti alla fine quindi se vi siete persi qualche tappa vi lascio qui sotto il calendario con i link alle tappe precedenti che vi consiglio di andare a leggere. Ma ora proseguiamo e andiamo a visitare Bangkok!

Calendario Guida al giro del mondo


••• •••

Tit 1
Guida al giro del mondo
Guida al giro del mondo
di Nanni Delbecchi

Editore: Bompiani
Prezzo: 13,00 €
Formato: Cartaceo
Data d'uscita: 24 novembre 2016

Trama:
Chi non ha sognato di fare il giro del mondo una volta nella vita?
Questa è la storia di due amici che decidono di farlo per davvero, a bordo di una Renault 4 immatricolata nell’89. Da Ventimiglia a Zanzibar passando per Lisbona, Buenos Aires, Tokyo, Saigon, il succedersi delle tappe diventa un racconto picaresco fatto di luoghi noti e sconosciuti, incontri, scoperte e contrattempi...
Ogni giro del mondo è unico e irripetibile, proprio come il viaggio che ognuno fa attorno alla propria vita, e lì non c’è guida che tenga. Romanzo, reportage, novella di viaggio, autofiction, parodia: "Guida al giro del mondo" è anche un girovagare attorno alle giurisdizioni della scrittura in una sequenza dipanata dal caso, dove ogni tanto s’intravede un filo conduttore. Ma forse è solo un’impressione.

Tit 2

Questo blogtour si è rivelato fin da subito diversissimo dal solito e la cosa mi ha appassionata e coinvolta molto. Ho avuto la possibilità di scegliere uno dei posti visitati nel romanzo e potervene parlare un po'. La mia scelta è ricaduta sulla città di Bangkok.

Bangkok cartina
La Thailandia è sempre stata una delle mie mete da sogno. Vorrei tantissimo andare a farci un viaggio e sto cercando in tutti i modi di organizzarmi ma purtroppo non ci riesco mai. So sempre le ferie con poco preavviso e per un viaggio del genere devo muovermi con molto anticipo perché il costo dei voli è davvero altino. Rimane comunque uno dei luoghi che vorrei davvero visitare un giorno (e spero proprio di farcela) ma per il momento mi accontento di questo tour virtuale che spero piaccia anche a voi.

La Thailandia è uno Stato dell'Asia confinante con Malesia, Cambogia, Laos e la Birmania. È sul mare e Bangkok, la città che cercheremo di conoscere meglio è la sua capitale, situata nei pressi del Golfo della Thailandia.

Bangkok è una di quelle città ricche di curiosità e di attrazioni. Conosciuta come luogo di perdizione (aspetto ripreso nel romanzo), oggi voglio mostrarvela sotto un'altra luce, quella che mi ha affascinato fin da subito e che mi ha fatto venire voglia di intraprendere un viaggio del genere. Ho quindi deciso di cominciare questa tappa proprio con le curiosità legate al luogo.
Bangkok taxi
Bangkok templi
Per prima cosa Bangkok è la città con il nome più lungo del mondo, lo sapevate? È addirittura entrata nel guinness dei primati grazie a questa sua particolarità. Pare che Bangkok non sia altro che un’abbreviazione, mentre il nome originale è “Krung Thep Mahanakhon Amon Rattanakosin Mahinthara Yuthaya Mahadilok Phop Noppharat Ratchathani Burirom Udomratchaniwet Mahasathan Amon Piman Awatan Sathit Sakkathattiya Witsanukam Prasit”. Di sicuro un nome così non me lo ricorderei mai. Ma è davvero affascinante che sia davvero così!

Come ci dice l'autore, la città è divisa in soi, enigmatici settori numerati ma con le strade che hanno un nome, e le scritte sono anche in alfabeto latino. Così è più facile per i visitatori stranieri riuscire a non perdersi nell'immensa città che li circonda.
Per spostarsi è possibile usare uno dei coloratissimi taxi che popolano le vie di Bangkok. Infatti, a differenza degli altri Paesi dove il taxi ha un unico colore, qui è possibile trovarne di tutti i tipi poiché il colore dipende dalla compagnia.

Tra le strade di Bangkok è impossibile non notare i templi, infatti, tra i vari appellativi di Bangkok non manca quello di “città dei templi”. In ogni angolo della città è possibile trovare uno dei tanti templi buddista. Questi luoghi sono uno dei simboli culturali più importanti della Thailandia. Tra quelli più visitati ci sono il Tempio Wat Arun, chiamato anche Il tempio dell'alba, un tempio di marmo tra i più belli di Bangkok insieme al Wat Suthat ovvero "montagna dorata", un tempio situato sulla cima di una montagna con una vista spettacolare sulla città.

Oltre i templi non mancano le statue di Buddha: ce ne sono migliaia sparpagliate in tutta la città. La maggior parte di queste rappresenta il Buddha di smeraldo all'interno del Grand Palace oppure Wat Pho (il Reclining Buddha) o, anche, Wat Indra Viharn (Grande buddha) che arriva a 32 metri di altezza.

Bangkok spiagge
Insomma di cose da vedere ce ne sono davvero tante e non finiscono nemmeno qui. Ci sono davvero moltissimi edifici che si possono visitare come il Grand Palace che non è un edificio vero e proprio ma più un agglomerato di diversi edifici costruiti nel corso del tempo. È stato costruito come residenza dei reali e a oggi è aperto al pubblico solo parzialmente. Una parte rimane ancora ad uso esclusivo per alcuni atti ufficiali.

E poi a poca distanza dalla città ci sono decisamente delle spiagge meravigliose. E sono un paradiso per gli occhi. Anche solo per mettere i piedi a bagno in quell'acqua cristallina farei subito una corsa. Sono dei paradisi tropicali che permettono di fare diverse attività legate al mare come lo snorkelling, il windsurf e soprattutto delle stupende immersioni. Con un mare come quello, passerei tutta la giornata in acqua o a rilassarmi al sole.
Vi dico anche una curiosità, su queste spiagge, più precisamente a Maya Bay è stato girato il film The Beach. Una spiaggia dalla sabbia bianca con una distesa d’acqua trasparente e quasi completamente circondata da rocce calcaree, un paradiso!

Direi che come piccolo viaggio in Thailandia e sopratutto a Bangkok, è andato tutto bene e se già ero curiosa di visitare questa città ora, dopo le ricerche e la lettura del romanzo, sono ancora più convinta che sia un viaggio da fare.

Prima di lasciarvi però, passiamo alla domanda che ho avuto il piacere di porre all'autore. Come avrete visto nelle tappe precedenti oltre al blogtour c'è questa intervista itinerante sui blog che speriamo vi piaccia e vi incuriosisca ancora di più!

D: Com'è nata l'idea che ha portato a questo libro, e quanto c'è di te nei suoi protagonisti?
R: Il libro è nato dal blog tenuto nel corso del viaggio che ho fatto veramente intorno al mondo insieme a un amico. Rileggendo quel blog mi sono accorto che il viaggio non era finito, mancava l'ultima tappa. I ricordi dovevano intrecciarsi alle fantasie e anche il blog doveva diventare un romanzo. Così, tutti i personaggi sono metà uomini metà e fantasmi, a cominciare dall'io narrante. Solo l'R4 è rimasta l'R4 (almeno credo).

••• •••

Questa tappa finisce ma continuate a viaggiare con noi su Il castello tra le nuvole.
Chiara vi porterà a visitare la bella Lisbona!!
Ciaooooooo!!!

Nessun commento

Lascia un commento

Grazie mille per aver lasciato un commento!