28 maggio 2016

Italian reports • 50

Buon sabato wordsbookiani!!!

Oggi sono qui per parlarvi di un progetto che ho appena scoperto: bookabook. Un sito che permette che si occupa di crowdfunding letterario. Su questo portale, ogni romanzo inserito ha un budget da raggiungere e sta al lettore scegliere quale romanzo arriverà sugli scaffali.
È possibile trovate diversi romanzi e come lettore basta che trovi quello che fa per te, contribuisci alla pubblicazione e ricevi subito il romanzo al quale sei interessato.

Si tratta di una realtà differente da quelle incontrate finora e molto professionale. Infatti, se, alla fine della campagna, il romanzo non raggiunge il budget prefissato, chi ha acquistato il libro riavrà indietro l’importo versato. Al contrario, se il budget viene raggiunto, bookabook si occuperà di revisionare il volume e inviarlo a tutti coloro che lo hanno acquistato preventivamente nel formato da loro richiesto.

Fa parte di questo progetto il romanzo Un accordo maggiore in sottofondo di Ugo Cirilli. È stato proprio quest'autore a farmi scoprire questa realtà e la trovo molto interessante. In questo appuntamento con Italian reports vi voglio quindi segnalare il suo romanzo (che trovate su bookabook). Siete un po' incuriositi?
[La copertina verrà rivelata soltanto nella fase finale, se il romanzo raggiungerà il budget stabilito]

Italian reports
Sotto questa categoria verranno inserite tutte le segnalazioni di autori emergenti italiani


Un accordo maggiore in sottofondo
Un accordo maggiore in sottofondo
di Ugo Cirilli

Pagine: 161
Prezzo: 5,00 €
Formato: eBook e Cartaceo
Data d'uscita: ?
Link acquisto: bookabook.it

Trama:
Il protagonista del romanzo, Stefano B., accoglie i lettori con una premessa: stanno per leggere un diario che ha scritto in un momento particolare della sua vita, quando si trovava in un luogo lontano da casa per "riordinare le idee".
Chi è Stefano?
Scopriremo gradualmente che si tratta di un giovane musicista, travolto da un successo inatteso a causa di un video caricato, quasi per scherzo, su YouTube. Così, l'io narrante svelerà gradualmente gli episodi salienti dei suoi esordi: apparizioni televisive movimentate, dj set, mondanità ridicole e incontri con personaggi chiave, fino a un epilogo inatteso e liberatorio. "Un accordo maggiore in sottofondo" può essere definito un romanzo di formazione degli anni duemila che, tra le righe di una trama ricca di colpi di scena, suscita una riflessione sul mito del successo e sulla ricerca della felicità. Nel suo percorso di artista ed essere umano, Stefano dovrà infatti chiedersi cosa vuole veramente, arrivando a riconsiderare la sua visione dei rapporti familiari, dell'amore, della musica e della vita in generale. Il romanzo contiene un esperimento di unione tra i mondi della narrativa e delle note: in due punti della narrazione, Stefano inviterà i lettori a cercare la sua musica nascosta nel web e ad ascoltarla. Si tratta in realtà di due tracce elettroniche molto particolari, composti dall'autore del romanzo, Ugo Cirilli.

Ugo Cirilli
È nato nel 1985 a Pietrasanta (LU), in Toscana.
Appassionato lettore fin dall’infanzia, ha conseguito la maturità classica e si è laureato in Psicologia Cognitiva Applicata. Negli anni, tra esperienze nel settore della comunicazione on line e live come chitarrista di band più o meno stravagante, si è cimentato spesso nella difficile, ma meravigliosa arte di scrivere.
Parallelamente ha continuato ad approfondire le tematiche della psiche umana, del benessere psicofisico e della prevenzione dello stress. Tutti i suoi interessi sono confluiti, in qualche modo, nella trama del suo romanzo “Un accordo maggiore in sottofondo”.



Un accordo maggiore in sottofondo
– Amici della notte, amici della notte! – esclamai, trovandomi subito infinitamente ridicolo. Poi però vidi l’immagine di me dietro la consolle argentata, in uno specchio in fondo al locale: il cerimoniere di un rito solenne e al contempo sfrenato. Ne ebbi una scarica d’energia enorme, travolgente.
– Avvicinatevi tutti alla consolle, all’energia pura che esce dalle casse! –
Una parte di quell’onda di esseri che vedevo male fece davvero qualche passo avanti.
Non so che ispirazione mi prese: – Tutti insieme, lasciatevi andare al flusso del suono, così! – e feci la ola con le braccia, oscillando a destra e a sinistra a ritmo.
Una, due, forse dieci persone insieme, poi altre dieci ancora imitarono quella buffa danza senza dire nulla. Sentivo che quel rito si ricollegava alle origini dell’umanità, che in un buio identico ma molto più freddo, o forse più torrido, senza un tetto sulla testa, altri esseri umani secoli prima avevano inseguito un battito ritmico per sentirsi vivi, forti, illusoriamente invincibili almeno nei confini di un attimo.
Con questi pensieri in testa e lanciando, fugacemente, occhiate allo specchio in fondo alla sala, sopra le teste della gente, l’immagine di me sciamano, stregone di un rito catartico prevalse sul dubbio che fossi un velleitario provinciale, conciato da scemo e tremante, in volo sulla fragile cometa di un hype internettiano.
La serata andò a dir poco alla grande.
Mi limitai a pronunciare qualche frase misteriosa che, forse, aveva poco senso, metafore abbozzate che erano come i bagliori dei riflettori psichedelici, a fare qualche accenno di danza robotica: qualsiasi cosa facessi, l’onda umana danzante mi seguiva eccitata. Arrivai a fine dj set quasi senza accorgermene.
Come previsto, chiusi con un pezzo più lento, ovattato, sul quale dissi forse le uniche parole veramente poetiche, tra tutti i miei discorsi sciocchi da neonato animatore:
- Ora, cari amici, la notte sta per ritirarsi e lasciare spazio alla luce. Tra poche ore tornerà il giorno e quest’euforia sembrerà un sogno. Non lo è stato: indossate le cuffie, premete play sul vostro lettore mp3, riascoltate uno dei miei pezzi e ci ritroveremo di nuovo vicini, increduli, anche sotto il sole.
Sarei andato avanti ancora, ma tacqui ricordandomi le parole di Rossetti:
“Emana mistero”.

Che ne dite? Lo conoscevate già?
Avevate già sentito parlare di questa iniziativa? Se volete approfondire meglio questo argomento vi lascio il link al sito bookabook, dove potere trovare tutti i libri che partecipano alle campagne e qualche informazione in più!
Ciaooooooo ^___^

Nessun commento

Lascia un commento

Grazie mille per aver lasciato un commento!