17 dicembre 2015

Cover battle • 40

Buon pomeriggio readers!!!!

Le giornate in questo periodo sembrano lunghissime solo a me, o anche voi avete questa sensazione? Alzarsi dal letto mi mette a dura prova, fuori fa veramente freddo e il calduccio delle coperte mi invita a non lasciarlo ogni mattina. Sfortunatamente per me, le ferie arriveranno tra un po', quindi rimbocchiamoci le maniche e facciamo forzi per questi ultimi giorni!

Per la Cover Battle di oggi vi lascio a confronto il romanzo Prima che tu vada via/Dimmi che ballerai con me di Victoria Vílchez edito dalla Libro Aperto International Publishing.


Cover battle
Rubrica, a cadenza settimanale, che metterà in contrapposizione la copertina italiana
del libro che sto leggendo, con quella originale, per scoprirne le differenze
ma anche le similitudini e decidere infine quale secondo noi è la migliore.


Prima che tu vada via Antes de que digas adios

Dimmi che ballerai con me Dime que bailàras conmigo


Lo dico fin da subito, sono di parte ma non posso farci nulla. Adoro le grafiche create da Pamela (Catnip Design) e anche in questo caso non sono stata delusa.
Il romanzo è double-face e per non perderci nessun lato, ve li propongo entrambi per questo appuntamento. Quindi cominciamo subito da Prima che tu vada via.
Parto subito con il dirvi che la scelta cromatica mi piace, mi trasmette calore e dolcezza allo stesso tempo. Mi piace moltissimo la scelta della banda colorata e sfumata sotto il titolo che, insieme alla figura della ragazza di spalle, caratterizza molto la parte che andremo a leggere (ci fa chiaramente intuire che si tratterà di una punto di vista femminile).
L'originale, come in tutti i casi in cui sulla cover ci sono dei visi in primo piano, non mi piace. La ragazza mi sembra anche che stia facendo una smorfia più che baciare il suo innamorato.
Mi piace, invece, la parte superiore dei ragazzi che corrono sulla spiaggia nelle tonalità calde del sole. Cosa che rivista e resa più leggera è stata mantenuta nella cover italiana!

Per quanto riguarda, invece, Dimmi che ballerai con me sono più o meno dello stesso avviso dell'altro lato. Mi piace l'armonia che si viene a creare tra i due lati della versione italiana, combaciano perfettamente mentre la versione originale mi sembra un po' troppo carica di dettagli e colori. Non credo che mi sarei fermata a dargli una possibilità se l'avessi trovata in libreria.


Per concludere questa battaglia, la cover che vedete qui a fianco, è la versione eBook del romanzo. Qui possiamo notare ancora di più come i due lati della cover italiana si sposino benissimo l'uno con l'altro, non trovate?

E voi cosa ne dite? Quale preferite tra le due/tre? 
Ciaooooo ^_^

4 commenti

  1. Anche io preferisco l'italiana per la prima!! Per quanto riguarda la seconda forse preferisco l'originale, anche se non riesco a capire di preciso perché ahahahha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah ci sono quelle volte che non sai spiegare il motivo ma una cosa ti piace e basta! A me capita spessissimo ^_____^

      Elimina
  2. Le cover italiane sono strepitose! *.* Complimenti a Pamela, davvero! ;)

    RispondiElimina

Grazie mille per aver lasciato un commento!