21 novembre 2015

Italians reports • 11

Buon pomeriggio carissimi readers!!!

Come state oggi? Come sta andando il vostro fine settimana?
Purtroppo in questi giorni sono sempre indaffaratissima e il blog ne risente un pochino ma prometto che cercherò di essere più attiva. Magari per ancora qualche giorno mi troverete un po' si e un po' no ma poi tornerà tutto alla normalità.

Oggi, infatti, sono qui per segnalarvi un nuovo romanzo in uscita il 25 novembre 2015: Prima che arrivassi tu di Tania Paxia. Ho già avuto il piacere di ospitare Tania qui nel mio angolino e sono contentissima di poterlo fare di nuovo. Dopo i dettagli del romanzo troverete anche un piccolo estratto, spero vi possa fare piacere!



Italian reports

Sotto questa categoria verranno inserite tutte le segnalazioni di autori emergenti italiani


Prima che arrivassi tu
di Tania Paxia

Editore: Selfpublishing
Pagine: 325
Prezzo: 0,99 €
Formato: eBook
Data d'uscita: 25 novembre 2015
Link d'acquisto: amazon.it

Trama:
Allegra (Ally) Thomas ha ventun anni, vive a Pisa e ha cambiato tre facoltà diverse in tre anni. È avvilita e senza una prospettiva per il futuro, soprattutto dopo la brusca lite con il padre di origini americane che la vorrebbe laureata in architettura, come lui. Ma Ally ha un sogno: scrivere e tradurre libri. 
Le cose si complicano dopo la sua partenza programmata per una vacanza di tre mesi a Brooklyn organizzata dai suoi zii e cugini americani. All'inizio è logorata dai sensi di colpa e perseguitata dagli incubi, ma le basta uno scontro accidentale con un ragazzo, Evan James, sul marciapiede di fronte al ristorante di suo zio, per cambiare tutto, arricchire le sue giornate e passare qualche ora spensierata...a parte la sbornia che riesce a rimediare durante un'uscita con suo cugino e i suoi due amici, tra i quali c'è anche Evan. Ma Evan ha in mente soltanto una donna: Madison. Per questo Ally decide di stringere una promessa solenne con lui per aiutarlo nell'impresa di riconquistare la sua ex fidanzata. Tra equivoci, shopping, bagni in piscina, chiacchierate al buio e baci rubati, Ally cercherà di fare chiarezza su ciò che vuole davvero.

Tania Paxia
Tania Paxia vive a Bibbona, un paesino nella provincia di Livorno. Frequenta la facoltà di Giurisprudenza (Magistrale) di Pisa e una delle sue grandi passioni è scrivere.
“Nicholas ed Evelyn e il Diamante Guardiano” è il suo primo romanzo. Il racconto che lo segue “Nicholas ed Evelyn e il Dragone Carbonchio” è uscito il 1 marzo. Il secondo della serie “Nicholas ed Evelyn” è in fase di scrittura. Nel frattempo, ha scritto altri libri: “La Pergamena del Tempio” un giallo su base storica edito da Europolis Editing, in ripubblicazione autonoma il 14 agosto 2015, un paranormal “Il marchio dell’Anima EVANESCENT The Rescuer of Souls #1”, un fantasy “La cacciatrice di stelle”, una commedia romantica intitolata “Sono io Taylor Jordan!” e un romance “Ti amo già da un po’”.
–––––––– • ––––––––

Stai giocando con il tuo futuro

“Sei sicura di voler partire?” mia sorella mi lanciò uno sguardo torvo ma comprensivo, con i suoi occhi azzurri, di una tonalità intensa come quelli di mio padre, così diversi dai miei di un colore castano chiaro.
Quando lo faceva era un brutto segno, perché voleva dire che aveva dismesso i panni dell’amica per indossare quelli della sorella maggiore. E non maggiore di qualche anno, ma di dieci. Era quasi una seconda mamma. Aveva ragione a farmi quella domanda, perché l’indomani, mercoledì, avrei dovuto prendere un aereo diretto a New York. Anche se non ero dell’umore adatto a intraprendere un viaggio di quasi dieci ore.
Rebecca – Becky per gli amici e familiari – era quella laureata in architettura, con un lavoro rispettabile, in maternità dopo aver avuto il suo primo figlio l’anno prima, sposata da cinque anni con Fabio, il suo fidanzato storico, nonché collega, conosciuto il primo anno di università. Lei era quella con la testa a posto. Lei era quella che si era costruita una famiglia e un futuro fin da ragazzina, lavorando d’estate per mantenersi gli studi, senza chiedere un soldo ai nostri genitori. E poi era sempre stata carina, gentile e disponibile con tutti. Insomma, lei era tutto il contrario di me, che ero considerata la simpaticona della famiglia, che a ventuno anni non aveva ancora ben capito cosa fare nella vita. Avevo cambiato tre – e dico tre – facoltà diverse in tre anni: la prima era stata ingegneria edile con l’indirizzo in architettura, costretta per forza di cose, visto che mio padre era un architetto e mia sorella si era laureata nel medesimo indirizzo di studi, seguendo le sue orme. Il bello è che avevo anche superato il test dell’esame d’ingresso perché la facoltà era a numero chiuso. Papà, Becky e Fabio mi avevano preparato a quell’esame sin dalle superiori. Con tutti quegli architetti in famiglia, avrei potuto fallire? No.
Ma purtroppo non faceva per me. Così avevo chiesto il trasferimento l’anno dopo, senza dire niente alla mia famiglia, alla facoltà di lettere e l’anno dopo ancora a lingue e letteratura straniera.
Mio padre se ne era accorto da pochi giorni, per caso, durante una cena tra architetti, alla quale aveva partecipato anche il professore di ‘Disegno dell’architettura’ e allora la copertura era saltata ancora prima di fargli la sorpresa di avere un’altra figlia laureata. Non certo nella materia che avrebbe voluto lui, ma almeno ero agevolata dal fatto che parlavo due lingue dalla nascita, grazie a lui che era americano e si era trasferito in Italia per amore di mia madre. Nel corso degli anni avevo coltivato l’altra mia passione, ovvero la scrittura. Ero riuscita a finire di scrivere due romanzi, uno dei quali lo avevo anche tradotto in inglese. Avevo cominciato a scrivere seriamente alle superiori, durante l’estate. Era diventato quasi un lavoro, perché mi portava via gran parte del tempo e non riuscivo a fare altro, se non avere un minimo di vita sociale. Da quando mi ero iscritta all’università, scrivevo tutte le sere, dopo cena, ma anche di pomeriggio, invece di studiare. Eh lo so. Non avrei dovuto, ma la passione e la voglia di finire un romanzo era talmente tanta da oscurarmi persino la ragione.
La sera stessa della scoperta avevo litigato con i miei genitori – più con mio padre in realtà – ed erano volate parole pesanti.
Molto. Pesanti.


Ed eccoci qui, cosa ne pensate? Vi incuriosisce?
Ciaooooo ^___^

4 commenti

  1. La copertina mi ricorda un po' 'Oltre i limiti'. Forse per il sole, perché per il resto è totalmente diversa xD
    Comunque lo segnalerò anche io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È molto dolce come copertina e mi piacciono i colori!!! ^____^

      Elimina
  2. L'ho letto in anteprima, è carinissimo *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti sia piaciuto!!! Sembra infatti molto carino e dolce come romanzo!!!

      Elimina

Grazie mille per aver lasciato un commento!