19 settembre 2014

"Resta anche domani" di Gayle Forman

Buongiorno a tutti readers!!!

Ultimo giorno lavorativo di questa settimana, iniziato magicamente con la cancellazione del treno e di conseguenza con l'arrivo in ritardo in ufficio. Evvai! Non poteva iniziare meglio :( Il cielo grigio poi non aiuta, vorrei poter stare sotto le coperto a leggere tutto il giorno, quando è così.

Ieri è uscito nelle sale cinematografiche il film Resta anche domani, tratto dal libro di Gayle Forman. Nell'attesa di andarlo a vedere ho letto il libro e oggi vi lascio il mio parere su questa lettura!

Resta anche domani
di Gayle Forman

Editore: Chrysalide (Mondadori)
Pagine: 252
Prezzo: 12,75 €
Formato: Rilegato
Link acquisto: librimondadori.it

Trama:
Non ti aspetteresti di sentire anche dopo. Eppure la musica continua a uscire dall'autoradio, attraverso le lamiere fumanti. E Mia continua a sentirla, mentre vede se stessa sul ciglio della strada e i genitori poco più in là, uccisi dall'impatto con il camion. Mia è in coma, ma la sua mente vede, soffre, ragiona e, soprattutto, ricorda. La passione per il violoncello e il sogno di diventare una grande musicista, l'ironia implacabile di Kim e la scazzottata che ha inaugurato la loro amicizia, l'amore di un ragazzo che sta per diventare una rockstar e la prima volta che, tra le sue mani, si è sentita vibrare come un delicato strumento. Ma ricorda anche quello che non troverà al suo risveglio: la tenerezza arruffata di suo padre, la grinta di sua madre, la vivacità del piccolo Teddy, l'emozione di vivere ogni giorno in una famiglia di ex batteristi punk e indomabili femministe. A tanta vita non si può rinunciare. Ma cosa rimane di lei, adesso, per cui valga la pena restare anche domani?


• RECENSIONE •

Mia è una ragazza giovane, diciassette anni e tutta la vita davanti a se. Vive con una famiglia strampalata amante della musica, ma non la sua musica. Mia, a differenza del papà, della mamma e del fratellino, ha sviluppato la passione per il violoncello e la musica classica.

È la musica di Beethoven che continua a sentire, nonostante la macchina abbia subito un frontale con un camion e lei veda il suo corpo immobile sul ciglio della strada. È viva? È morta? Come mai continua sentire la musica? Sono le stesse domande che si pone Mia, che trovano risposta con l'arrivo dei paramedici.

È viva, ma è in coma. Tutta la sua famiglia non ce l'ha fatta e ora deve affrontarne le conseguenze. Se sceglierà di restare, sarà orfana e dovrà affrontare una vita senza la sua famiglia. Una famiglia felice che la sosteneva in tutte le sue scelte.

Scegliere di andare sembra l'opzione più semplice ma le persone che la circondano le danno la forza per non abbandonarsi del tutto.

I nonni sempre presenti sembrano capirla. Il nonno mi ha commosso quando le ha sussurrato all'orecchio:

– Se vuoi andare, va bene – bisbiglia. – Tutti vogliono che resti. Io voglio che tu resti più di qualsiasi altra cosa la mondo.

Un romanzo triste e drammatico, ma che ti strappa un sorriso quando Mia racconta gli eventi del passato. Scritto in modo semplice, tratta un argomento delicato che entra nel cuore del lettore.

Il romanzo fa parte di una duologia e forse a febbraio riusciremo a leggere il seguito, ancora inedito in Italia, Where she went.

Il mio giudizio: 4/5
Rating

Cosa ne pensate di questo libro?? Andrete a vedere anche il film o lo avete già visto?
Ci vediamo alla prossima recensione!!
Ciaooooooooo



Gli altri libri della serie:
  • Resta anche domani
  • Resta sempre qui

5 commenti

  1. Leggere la trama di questo libro mi ha ricordato un po' il libro "E la musica riempì il silenzio" di Cathleen Lewis: la storia di questa donna, Cathleen, che cresce da sola il figlio, autistico, il quale (poi) trova la musica come mezzo di espressione. Il libro di cui parli non l'ho letto; non so dirti se andrò a vedere il film... Buona giornata! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai letto E la musica riempì il silenzio ma i libri che trattano argomenti legati alla musica mi sono sempre piaciuti :)

      Elimina
  2. Sì anche a me... Se ti capita leggiti Presto con fuoco, di Roberto Cotroneo. E' la storia di un musicista che riceve una borsa da un'esule russo... Non ti dico di più; adesso tocca a te scoprire il tutto! ;)

    RispondiElimina
  3. ho visto il trailer del film ispirato a questo libro e mi è subito venuta voglia di leggerlo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io l'ho scoperto subito dopo aver visto il trailer :) te lo consiglio!!

      Elimina

Grazie mille per aver lasciato un commento!