14 settembre 2014

"Il calice della vita" di Glenn Cooper

Buongiorno a tutti readers!!!

Come procede il vostro weekend? Per me anche questo fine settimana si sta rivelando abbastanza frenetico. Ma è possibile che dopo una settimana di lavoro, il weekend non riesco a rilassarmi come vorrei? Devo organizzarmi una bella giornata da qualche parte, sola soletta con i miei libri, al più presto.

È passata quasi una settimana dall'ultima recensione e in realtà ne ho accumulate un po' da pubblicare. Bando alle ciance e veniamo a noi, oggi mi dedico a Il calice della vita di Glenn Cooper.

Il calice della vita
di Glenn Cooper

Editore: Nord
Pagine: 329
Prezzo: 16,00 €
Formato: Rilegato
Link acquisto: editricenord.it

Trama:
Per secoli, regnanti e uomini di fede, eruditi e avventurieri lo hanno cercato. Invano. Nessuno ha scoperto dov’è custodito. E nessuno ha scoperto quale mistero nasconda. Fino a oggi. Inghilterra, XV secolo. Non è la prigione a gettare Thomas Malory nel più nero sconforto. È la consapevolezza di avere fallito, proprio come tutti coloro che lo hanno preceduto. Ormai ha una sola ragione di vita: proteggere la chiave che dà accesso a un segreto antichissimo. E ha un solo modo per farlo: scrivere un’opera sulle gesta di re Artù e dei cavalieri della Tavola Rotonda...Inghilterra, oggi. Arthur Malory è sconvolto. Prima ha visto il suo migliore amico, Andrew, morire per mano di un assassino, poi è sfuggito per miracolo all'incendio che ha distrutto la sua casa. E tutto ha avuto inizio con una telefonata, quella in cui Andrew gli annunciava di avere novità sensazionali riguardo alla loro grande passione comune: il Graal. Da quel momento, Arthur è diventato il bersaglio di uomini senza scrupoli, determinati a completare una missione iniziata in Palestina, la notte in cui Gesù ha bevuto dal sacro calice, durante l’Ultima Cena. La sua unica possibilità di salvezza è trovare il Graal prima di loro. E, per riuscirci, dovrà rintracciare e seguire una catena d’indizi lasciata dal suo illustre antenato, Thomas Malory. Ma la sfida più grande che attende Arthur è la natura stessa del potere del Graal. Un potere che risale all’origine dell'universo, un potere che va oltre la Chiesa, oltre la morte di Cristo, oltre la vita...


• RECENSIONE •

Se come me c'è qualche altro affezionato di Glenn Cooper, può bene sapere che la maggior parte dei suoi libri (se non tutti - me ne manca ancora qualcuno ^_^) sono divisi tra la storia vera e propria, ambientata nei giorni nostri, e gli episodi del passato legati a quest'ultima.

In questo romanzo ci troviamo in Inghilterra, dove Arthur Malory, il nostro protagonista, può vantare una discendenza dalla stirpe di re Artù. Proprio a causa di questa presunta parentela ha inizio la nostra avventura.
Ex giocatore di rugby, ex studioso di chimica, lavora per Jeremy Harp da diversi anni come responsabile marketing. Quest'ultimo appartiene ad una gruppo ristretto e segreto di fisici, chiamati Khem, con scopi poco chiari ma sicuramente rivolti ad impossessarsi del Graal.

Arthur, invece, è legato ai Grails Loons, un gruppo di personaggi con la passione per il Graal e con la convinzione che Artù sia realmente esistito. A causa di questo legame si ritrova a mettere in funzione tutte le sue capacità per trovare il Graal, dopo l'omicidio di Andrew Holmes, suo mentore e suo grande amico.
Quest'ultimo lo aveva chiamato con grandi novità sulla loro ricerca e con le prove della discendenza di Arthur dalla stirpe reale.

In questa avventura non è solo, ad accompagnarlo c'è Claire, una fisica che studia la materia oscura. Incontrata quasi per caso davanti alla porta di casa, diventa parte integrante dell'avventura, dando un contributo importante per le diverse ricerche.

Azione, fughe, omicidi e ricerche storiche sono alla base di questo romanzo che ti tiene con il fiato sospeso. Una ricerca che dura da secoli, che cerca il suo finale con questa storia.
Peccato proprio per il finale che mi ha lasciato ancora di più sulle spine e con la voglia di scoprirne di più. Che si sia lasciato così per un possibile seguito?

Il mio giudizio: 3/5
Rating

Voi lo avete letto? Cosa ne pensate di questo romanzo??
Ci vediamo alla prossima recensione!!
Ciaooooooooo

Nessun commento

Lascia un commento

Grazie mille per aver lasciato un commento!