22 maggio 2014

Where in the book • 1

Buongiorno gente!!

Oggi avrei dovuto pubblicare sul blog il terzo appuntamento con la rubrica Cover Battle. Purtroppo non ci riuscirò, poichè il libro che sto leggendo attualmente, Torment di Lauren Kate, ha mantenuto la stessa grafica sia per la copertina originale che per la copertina italiana. Non sarebbe una sfida paragonare due copertine uguali!
Ma questo non mi ferma! Ho pensato di creare una nuova rubrica, Where in the book, dove vi indicherò i posti che visito attraverso il libro che sto leggendo; dove sono situati, quali caratteristiche hanno e come me li sono immaginati leggendo il libro. Non potendo viaggiare molto (cosa che invece vorrei fare di continuo), lascio spazio alla mia fantasia e grazie ai libri un viaggio in treno da pendolare, si trasforma in un viaggio in una località lontana o a volte in un posto misterioso.



Where in the book



Per tornare con i piedi per terra (o quasi) sto leggendo Torment di Lauren Kate, grazie a questo libro approdiamo, come prima tappa di questa rubrica, a Fort Bragg, una città situata nella zona costiera di Mendocino (California).



Mappa
Durante l'età preistorica quest'area ospitava i nativi americani fino a che nel 1855 un gruppo di esplorazione visitò la zona per trovare un luogo adatto per la creazione di una riserva. Nel 1856, un anno dopo, fu fondata la riserva indiana di Mendocino, vicino al fiume Noyo [Mendocino viene anch'esso citato nel libro in quanto la nostra protagonista Luce ha vissuto lì in una vita precedente].

Questa riserva fu dismessa nel 1866 ma per tre anni non fu rese disponibile ai nuovi insediamenti. [CURIOSITÀ: esiste ancora oggi un edificio originale di Fort Bragg]
A partire dal 1869 fecero la prima comparsa alcune segherie, alla foce di ogni fiume, e anche alcuni ranch. Pochi anni dopo, Fort Bragg ebbe un porto dedicato al legname sul fiume Noyo. Venne fondata anche una ferrovia per il trasporto dei tronchi alle segheria.

Durante il terremoto del 1906, che colpì le zone limitrofe a San Francisco, scoppiò un incendio che minacciò la segheria e l'intera città.

Settant'anni dopo ebbe inizio la trasformazione di Fort Bragg in zona residenziale. Questa città dal clima mite tutto l'anno presenta spesso nebbia, sopratutto di notte e nella mattinata. C'è un episodio che mi è piaciuto molto del libro, che sposa molto bene quest'ultima descrizione di Fort Bragg.
Quando Francesca scese dall'autobus, mormorò: «Quando è troppo, è troppo!» e sollevò i palmi.
Con assoluta noncuranza, come se stesse aprendo le tende di una finestra, separò letteralmente la nebbia con le dita, rivelando un ricco strato di cielo limpido proprio sotto la barca scintillante.
Oggi questa città, che dista un pomeriggio di macchina da Sacramento e San Francisco, ha un paesaggio meraviglioso (a vedere le foto sul web viene voglia di andare *_*) e sembra il posto ideale per una fuga dal tempo. Il mare limpido, la vicinanza con la natura e le spiagge coloratissime rendono il paesaggio davvero bello e surreale. Un aspetto molto simpatico di queste spiagge è proprio Glass Beach, una spiaggia ricca di quei pezzetini di vetro erosi dall'acqua salata che colorano tutto l'ambiente che la circonda.

Avevate mai sentito parlare di questo posto? A me è venuta una gran voglia di vacanza e di andarlo a vedere. Chissà che non ci riesca un giorno ^_^

2 commenti

  1. ciao, nuova follower! :) almeno credo, il sito continua a chiedermi l'indirizzo email anche se l'ho appena inserito... :/
    Comunque questa rubrica che hai creato è geniale ;) conoscere le ambientazioni dei romanzi e sapere un po' di storia sulla città principale è molto interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Faith!!
      Grazie mille, sono contenta che ti piaccia.
      Adoro viaggiare ma non avendo sempre la possibilità, i libri mi aiutano molto e così viaggio attraverso di loro. Alcuni posti poi sono incantevoli :)
      Per il follower purtroppo non ti vedo ancora. Non so come mai °_° l'unica cosa che posso dirti è di riprovare se ti va ^_^

      Elimina

Grazie mille per aver lasciato un commento!